MATRIMONI
> Strutture_Private

pagina in fase di aggiornamento


Strutture private

Il CONVENTINO

Il piccolo insediamento monastico, in origine probabilmente legato all’Ordine dei Francescani Osservanti di Pesaro, fa il suo ingresso ufficiale nella storia di Gradara nel 1564 quando viene stabilita dalla Comunità locale l’erezione di un convento di Cappuccini.
La storia del Conventino di Gradara, strettamente intrecciata alle vicende della terra che lo ospita, è raccontata dalla pietre cariche di memoria, che lasciano ancora indovinare la presenza raccolta e silenziosa dei religiosi che a lungo hanno animato la vita della struttura: attorno all’antico chiostro, perfettamente conservato, faceva perno l’esistenza quotidiana della comunità: attraverso gli spazi protetti e armoniosi del porticato si aveva accesso agli ampi ambienti interni, alcuni dei quali destinati all’uso comune come le cucine, il vasto refettorio, le dispense, la chiesa, altri riservati al raccoglimento individuale come le cellette per la notte.
La secolarizzazione del convento nel 1789 da parte dei Repubblicani segnò una breve interruzione nella storia secolare dei Cappuccini di Gradara, che poterono rientrare in possesso della sede solo nel 1822: fu il vescovo di Pesaro, Mons. Clemente Fares, a consacrare nuovamente il complesso nel 1859. Dai primi decenni del Novecento l’antica struttura fu trasformata in una dimora estiva per seminaristi, per poi essere definitivamente ceduta a privati, che ne fecero una villa residenziale, nel 1925

per informazioni:

GRADARA INNOVA  tel.0541964673; cell. 3311520659; e-mail. info@gradarainnova.com

Villa “Conventino di Gradara”
Via dei Cappuccini 13 Gradara (PU)
Tel +39.0541.964.124
Fax +39.0541.964.124
www.conventinogradara.it